Il teschio del Capitano: la star del Cimitero delle Fontanelle

Print

Come vi avevo anticipato nel precedente articolo “ il Cimitero delle Fontanelle: devozione tra sacro e profano” ora vi racconterò le leggende che ruotano intorno al famosissimo teschio del Capitano.

Il teschio del Capitano è una vera e propria celebrità nel Cimitero per cui, a differenza degli altri, è posizionato in una teca di vetro per preservarlo dall'umidità ed infatti da tanti anni è perfettamente intatto e splendente. 

 I napoletani considerano il "Capitano" un’ anima pia perchè si dice che, con le sue intercessioni nel mondo dei vivi, abbia aiutato moltissimi devoti.  Su questo leggendario teschio ci sono diverse leggende, ma la più famosa è sicuramente quella dei "due sposini". La versione più acclamata di questa leggenda è quella che narra di una giovane promessa sposa che aveva un'autentica venerazione per il teschio del Capitano, per cui ogni giorno si recava al cimitero a fargli visita nonostante la disapprovazione del suo promesso sposo.

Un giorno il giovane chiese di accompagnarla perché curioso di vedere con i suoi occhi il famigerato teschio e desideroso di sfatare quella credenza popolare. Una volta giunti nella cava, il giovane con spirito canzonatorio e irriverente infilò un bastone nella cavità dell'occhio del teschio e scherzosamente lo invitò al suo matrimonio. Il giorno delle nozze arrivò e tra gli invitati apparve all’improvviso un uomo sconosciuto in divisa da carabiniere.

Lo sposo incuriosito da quella strana presenza si avvicinò e ovviamente gli chiese di qualificarsi. L’uomo misterioso gli ripose che era stato proprio lui ad invitarlo al suo matrimonio ricordandogli che in quell’occasione si era anche divertito ad accecargli un occhio. La leggenda narra che a quel punto il Capitano aprì la giacca della sua divisa e invece del corpo di un uomo apparvero solo le ossa dello scheletro. Alla vista di quella scena i due novelli sposi, per il terribile spavento, morirono sul colpo.

Si dice che le ossa dei due novelli sposi siano conservate ancora oggi nella prima stanza del Cimitero delle Fontanelle sotto la statua di Gaetano Barbati. Di questa vicenda c’è anche un’altra versione piuttosto nota che è quella raccolta da Roberto De Simone. In questa versione il giovane sposo è un camorrista, donnaiolo e spergiuro che aveva osato profanare il Cimitero delle Fontanelle facendo l'amore con una ragazza in quel luogo sacro e in quella circostanza si fece scherno del Capitano invitandolo ironicamente il giorno del suo matrimonio per battersi in duello convinto che non si sarebbe mai sposato.

Il tempo passò e il giovane immemore di quella sfida lanciata ad un teschio giunse al giorno delle sue nozze. Durante il ricevimento apparve tra gli invitati uno strano personaggio vestito di nero dall’aspetto severo e taciturno tanto da destare la curiosità degli invitati. Alla fine del pranzo, gli fu chiesto di dichiarare la sua identità ed allora rispose di aver partecipato al matrimonio perché aveva un dono speciale per gli sposi ma di volerlo consegnare a loro in privato.

Una volta recatosi con loro in un’altra stanza, il capitano mostrò la sua vera identità ma quando il giovane riconobbe il capitano in un attimo allungò le mani verso di loro e dal suo contatto infuocato gli sposi morirono all'istante. Le credenze popolari spesso vengono tacciate di ignoranza e di pura ingenuità in quanto innescano sentimenti di superstizione che oggi sono in netto contrasto con una visione più razionale della vita. Tuttavia credo che  rappresentino un preziosissimo bagaglio storico culturale che merita di essere preservato e tramandato.

La nostra storia è la nostra memoria, per comprendere il nostro presente e volgerci verso il futuro non dovremmo rinnegare le radici del nostro passato che sono un grandissimo patrimonio da prendere come riferimento perché non bisogna mai dimenticare che per quanto l’uomo possa progredire cerchèrà sempre un contatto con quella spiritualità che appaga il bisogno viscerale di trovare risposte ai grandi misteri della vita. 

Corso per genitori

Inizio Novembre 2016

Sostegno coppie di separati